Cookies   I display ads to cover the expenses. See the privacy policy for more information. You can keep or reject the ads.

Video thumbnail
Gentaglia, bentornati!
Partiamo dai Paesi Bassi,
a 'sto giro la mia previsione
non ha portato sfiga
e infatti, l'informazione alla quale tutti erano appesi,
è la seguente:
Wilders, detto anche l'uomo gatto della politica,
non ha vinto le elezioni nei Paesi Bassi
come in tanti temevano.
Partiamo da qui:
Innanzitutto, il risultato,
perché secondo le "analisi all'italiana"
hanno vinto tutti, come al solito.
Fateci caso, secondo gli italiani,
a vincere è sempre lo sport,
sia nel calcio, sia nella politica.
Vincono i tuoi: "li abbiamo stracciati",
vincono gli altri: "regole tarocche, rubano tutto, votanti idioti,
eh ma non vale, è l'albitro, ..."
ed è successo con il governo Letta,
è successo con Donald Trump,
e sta succedendo anche adesso.
Il punto è il seguente: anche se il partito di Wilders
è in effetti la seconda forza politica del paese, aumentato un pochino la sua influenza
ma pochissimo
salendo dal 10%
al 13%
il vincitore reale
è il primo ministro uscente che sì,
ha perso molti voti,
ma ne ha comunque prendo la maggioranza,
arrivando al 21% delle preferenze.
Molti voti persi sono quindi andati per mera questione
matematica
ad altre compagini politiche
che nei Paesi Bassi
sono tante perché hanno un sistema proporzionale che favorisce la creazione
di micro partitini.
Questa cosa è interessante da analizzare
sotto vari aspetti e da un po' di speranza
molto cauta, o io lo consiglio perlomeno,
a chi sia preoccupato per le presidenziali francesi che verranno tra un mese circa.
Lo scenario
sembra questo, anche se c'è un aumento di partiti antieuropeisti che fanno della
chiusura
a riccio delle rispettive nazioni il proprio vessillo principale, no?
L'Europa dei burocrati,
dalle banche, che strangola la gente,
l'Europa di chi preferisce il pandoro al panettone così via,
pare che non tutti gli elettori siano d'accordo
con questa visione,
anzi l'abbiamo visto in Austria dove i verdi
se la sono giocata a testa a testa proprio
con un partito di questa natura,
vincendo ed eleggendo Walter Bellen,
e lo abbiamo visto ora nei Paesi Bassi
dove per inciso il partito dei verdi è guidato da un trentenne il quale padre è marocchino e
la madre con un genitore indonesiano
è passato dal 2%
al 9(%).
Quindi seguendo il ragionamento all' italiana
è lui il vero vincitore.
Ora dubito ci ritroviamo di fronte a una rivoluzione verde
che incidentalmente è il nome perfetto per un negozio con le biciclette fuori
e i menu quelli scritti a mano
che ti fa pagare un'insalata 13,50€
ma credo che le cose che si possono tirare fuori al pub questa settimana per fare
figura e io lo farò senz'altro siano le seguenti:
1) E' palese la crisi delle sinistre classiche.
I socialisti per dire in
Europa
perdono dappertutto.
il premier confermato dei Paesi Bassi, Mark Rutte,
è un liberal-conservatore,
che detto in modo semplice significa essere liberali
sotto il profilo economico,
e conservatori nelle questioni sociali ed etiche.
Ma occhio.
(Devo smettere di dire così che sembro Jerri Calà)
con i voti tutti sparsi, Rutte dovrà fare
un governo di coalizione quindi le "larghe intese": centrodestra e centrosinistra
tutti assieme
quelle che agli italiani non piacciono
e che molto probabilmente vista la legge elettorale abbiamo anche noi di nuovo
alla fine
nelle prossime elezioni.
Di fatto l'Italia è stato
sinora
l'unico paese che ha avuto un centrosinistra ancora
solido
al governo
e potrebbe essere che questa cosa finisca presto perché come tutte le sinistre in
Europa,
anche il PD,
è fondamentalmente in crisi contenuti
ma parte interessante
è un'altra:
sembra che la battaglia politica si stia dividendo per farla
semplice tra europeisti e non europeisti, fateci caso.
Chi vuole sfasciare l'unione in genere partiti che dicono di non essere né di
destra né di sinistra
o estrema destra ed estrema sinistra anche in italia e chi vuole rimanerci in
Europa modificandola ok, negoziando va bene,
ma di fatto rigettando questa idea
che le nazioni starebbero meglio da sole,
anche in questo caso.
Centrodestra e
centrosinistra, assieme.
Due compagini
differenti ma che si scontrano su questo punto.
In ultima battuta non meno
importante
questo tizio che livello è il leader dei verdi nei Paesi Bassi.
Ha 30 anni, ok?, nato nel 1986.
Io ho un fratello nato nel 1986 nella mia testa è piccolo,
questo tizio ha la fede al dito che è sta roba qui
#foreverjoung, capito?
Cosa succede alla mia generazione? Io mi oppongo
a 'sta roba qui. E l'abito?
perché tutti i miei amici coetanei vanno in giro con le magliette
con sopra i disegni del super nintendo
e questo trentenne
è lanciato nel mondo esattamente ora dovrebbe
fare
un trentenne, è oltraggiosa questa cosa qui, va bene?
sono offeso, ecco qui
una foto nella quale indosso anch'io l'abito. (sembro un mafioso
nel 1932).
Jesse Klaver,
ti bandisco dalla mia generazione. Credo che il tuo nome non si pronunci neanche così.
anche se in effetti è bello vedere qualcuno della mia generazione
non soltanto rappresentare ma addirittura guidare
una forza politica ed è interessante che questa forza politica
sia così fortemente pro-Europa
perchè sono confuso
sull'elettorato "giovane", che per esempio in Italia
si racconta sempre essere invece molto ostile
a questa idea di Europa unita.
Non lo so.
*fa cose*
bene
parliamo
d'altro.
L'India,
lo Stato
*si interrompe*
*fa cose*
lo stato del Kerala
che si trova qui. Questa è una regione dell'India un po' meno povera delle altre
apparentemente e un pochino più avanzata delle altre, lo dico per mettere
le mani avanti anche se comunque
parliamo sempre dell'India
che ha deciso di dichiarare l'accesso a internet
come un diritto di base dell'essere umano
come l'acqua
oh come la pizza.
La questione è infatti la seguente: l'India ha un sacco di problemi
dovuti anche all'arretratezza della sua economia e del suo sistema agricolo
alla corruzione dilagante. Secondo alcuni osservatori questa decisione fa parte
del tentativo del governo
di spingere il più possibile l'alfabetizzazione
informatica
dei più poveri che tendono
a rimanere impigliati tra i rami della burocrazia
spesso corrotta,
e nella rete degli intermediari,
che tendono approfittandosi della loro ignoranza creando cartelli ad esempio
a sfruttare il lavoro dei contadini, per dirne una, pagandolo pochissimo.
Se il contadino guadagna pochissimo,
non può investire
per migliorare i mezzi di coltivazione, se non investe la situazione rimane in stallo.
Questa è una spiegazione molto pratica di come internet possa
potenzialmente cambiare le vite delle persone permettendo la circolazione
delle informazioni
lo so che è strano in effetti che un paese è così povero come l'india
dove la gente fa la fame
punti come una cosa "Wi-Fi universale diritto per tutti".
ma il mondo è cambiato effettivamente e se può essere la tecnologia
a migliorarlo, perchè no?
Inoltre non ci sono abbastanza meme su internet e l'indiani sono molti pensate
all'apporto che possono dare
allo sviluppo culturale del pianeta. centinaia di migliaia
di nuovi meme. Fantastico.
Parlando di internet un ragazzo americano è stato recentemente
vittima di swatting, per chi non lo sapesse,
sei in stream su Twitch e magari qualcuno scopre dove abiti
chiama la polizia e dice
"tizio caio è armato e minaccia di uccidere tutti", nel tentativo di vedere
una risposta violenta della polizia
perché negli Stati Uniti è molto comune.
E probabilmente di non essere beccato nel contempo perché in U.S.A. si rischia di
finire dietro le sbarre per molto tempo,
per una cosa così.
Comunque continua ad accadere.
A 'sto giro la stessa cosa lo streamer sta giocando,
a 'sto punto si ferma, l'intera famiglia viene fatto uscire dalla casa nella quale è
dalla polizia armata, viene perquisita e interrogata,
sinché però uno degli agenti
non capisce cosa stia succedendo
perché lui stesso
è un fan
di Twitch.
La scenetta è fantastica, ve lo lascio in descrizione per chi capisse l'inglese,
quell'agente si trova a spiegare nello stream, al suo collega,
cosa stia effettivamente accadendo.
Ve lo segnalo perché fa sorridere
innanzitutto ma
sottolinea anche come certe cose assurde dei millenians (faccio questo gesto che
significa nulla come gli stream online e la gente che li guarda) iniziano a non essere
più così assurdi di nicchia
mette la mia generazione, appunto, procede nell' entrare nel mondo del lavoro magari in
polizia,
o per dire,
in politica. Come ogni cosa i cambiamenti iniziano
ad essere tali non quando vengono annunciati tipo "Waaa YouTube ucciderà la TV entro i
prossimi sei secondi", cosa che si è detta
8 anni fa
ma quando lentamente
si inseriscono tra le maglie della società
iniziano a non essere più dei cambiamenti
ma dei dati di fatto.
Tra le altre cose che vi
devo segnalare c'è un video bellissimo che potrebbe triggerare alcuni di voi
però quindi
eccovi il trigger warning,
sono bravo?
**Attenzione! Contenuto interessante e che quindi potrebbe
potenzialmente generare
una risposta emotiva**, camminare con cautela.
*sospiro*
Il video in questione ha tre protagonisti e non è una barzelletta:
un rabbino, un prete cattolico
e un ragazzo nero, gay, ateo e repubblicano
che fumano erba tutti assieme
e parlano di dio
negli esatti termini nei quali si finisce a parlarne
in talune circostanze. Prendetelo per quello che è:
un video interessante. Se qualcuno di voi fosse in grado, anzi ne avesse il tempo,
io ci metterei dei sottotitoli in italiano.
Ah, e grazie anche a chi ogni tanto sottotitola i miei video,
lo trovo un bel gesto, e non ho mai modo di ringraziarvi *prego :D*.
Parlando di droghe,
Duterte, il presidente delle Filippine, rischia l'impeachment, che è un process
che normalmente si attiva a livello politico
quando un'alta carica è considerata, se è previsto dal sistema,
ovviamente,
"inadatta" a ricoprire una certa funzione.
problema
anche a se a portare avanti la battaglia è un politico delle Filippine,
ovviamente, che si chiama
Gary Haleano, credo che si pronunci così (boh?),
lui stesso sa che è molto difficile che poi l'iter raggiunga il suo scopo
raggiungendo la maggioranza dei voti necessaria perché nonostante tutto,
nonostante
gli omicidi per strada,
nonostante le follie che va raccontando tipo lui a bordo della moto
quando era sindaco
alla ricerca di bad guys,
e il fatto di paragonarsi con estrema tranquillità ad Hitler
mentre i suoi fedelissimi vanno in giro per strada a sparare alla gente
il presidente rimane
popolarissimo, sia in parlamento
che tra la popolazione
quindi c'è questo.
E per ultimo arriviamo all'Italia,
ne parliamo di nuovo senz'altro ma è importante perlomeno, farlo un pochino da adesso.
Il Senato ha approvato ieri un'importantissima riforma del processo
penale.
Lo so, posso metterci tutta l'enfasi che voglio ma non suona
come argomento interessante, è come dire: "bambini chi ha voglia di andare dal
dentista?"
non funziona, mai, a mano che tu non li abbia drogati precedentemente, che è un'ottima
idea,
drogate i vostri figli.
Shy per il sociale. I punti importanti
sono questi: la prescrizione e le intercettazioni, ma di queste ancora non parliamo
perchè la legge
non c'è.
Paliamo della prescrizione
invece, che è
spiegato
semplicemente
quando passa troppo tempo da quando si son commessi i fatti
alla condanna definitiva
e quindi petto anche con delle condanne parziali in primo e secondo grado,
persone
già condannate, poi la fanno franca perché scade il tempo.
E' un vecchio problema in Italia.
Con questa nuova legge si aumentano di tre anni i termini
perché la prescrizione si sospende fino a un massimo di 18 mesi
tra la sentenza di primo grado quelle secondo grado
e po, da quest'ultima,
sino la Cassazione.
il problema è infatti
che nel nostro sistema, prevenendo questa possibilità,
si favorisce
il processo lunghissimo perché gli avvocati hanno tutto l'interesse a
rallentare il più possibile
i tempi, e
allo stesso tempo,
fare ricorso, sempre e comunque,
nel disperato tentativo di far scadere il tempo.
Questa legge è ovviamente frutto di compromesso come in ogni caso, in cui i più
scontenti sono i politici di nuovo centrodestra che dicono che il problema
dei progetti lunghi andrebbe risolto facendo lavorare di più i magistrati e
riorganizzando i loro lavoro, non così e
avrebbero votato la legge soltanto perché
in Senato senza il loro voto
sarebbe finito tutto giù grazie al voto di fiducia che significa: si vota "sì",
il governo rimani in piedi, si vota "no",
"tutti a casa". Quindi i "buu che schifo il voto di fiducia", tutte le robe solite ma di
fatto negli ultimi 30 anni, l'unico strumento che sembra in grado di convincere
diversi partiti nei governi di coalizione a collaborare tra loro
è proprio questo.
Senza il rischio di perdere la sedia,
tutti tendono un po' a bloccare ogni cosa,
è diventato abbastanza normale.
Ora, anche molte persone dall'altra parte sono scontente perché avrebbero voluto la
cancellazione della prescrizione totale dopo la prima condanna una volta che
almeno un tribunale ti ha trovato colpevole,
il tempo si dovrebbe bloccare secondo loro,
per sempre e, scassasse il cielo, si dovrebbe arrivare una condanna definitiva
è quello che propongono
da tempo anche i Cinque Stelle, io sono 100% d'accordo,
ma ricordiamoci che tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare e le leggi
presentate devono sempre fare
contente almeno un pò
tutte le parti politiche in gioco.
Vengono poi emendate, modificate, ritirate, ripresentante, funziona così,
lo abbiamo imparato molto bene
con la legge
sulle unioni civili, che alla fine è uscita tutta monca
e tutta strana. C'è un'altra cosa ancora che bisogna tenere in
considerazione:
la legge votata al Senato,
ora torna alla Camera, ve la ricordate la storia del ping pong, no?
Alla Camera, perché il tutto sia approvato,
il testo deve rimanere
identico, alla prima modifica, cosa che senz'altro il nuovo centrodestra
cercherà
di fare, tutto salta e la legge,
dopo il voto, deve ricominciare
a viaggiare, tornando al Senato, poi eventualmente alla Camera,
e così via.
Tenete conto che dal primo sì sono trascorsi 926 giorni, 30 agosto 2014. Ecco
le immagini del Breaking Italy
pubblicato il giorno dopo, così
per capire
di che parliamo esattamente.
E questo è tutto per oggi grazie per aver
guardato come al solito qualche link in descrizione, aspetto di leggere i vostri
commenti
per il Breaking Italy LIVE di domani alle 19,
e grazie ad Anastasia ed Alessandro, che ho incontrato in questa foto
scattata 7000 anni fa
al Lucca Comics con la mia pancia protagonista indiscussa, e
che mi ha mandato questa foto mostrandomi di avere lo stesso tatuaggio che ho io
ai polsi. E'
incredibile
quando quel gioco diventi un'ossessione
per un sacco di gente, me compreso.
Fate i bravi, Love You Long Time e ci vediamo domani