Cookies   I display ads to cover the expenses. See the privacy policy for more information. You can keep or reject the ads.

Video thumbnail
nel dibattito sulla post verità e sulle fake news che in Italia in un nano secondo è diventato surreale
di fatto perché il nostro sistema si basa sulla manipolazione, sul racconto distorto delle cose
per avere ragioni in politica
quindi di fatto non puoi affrontare il problema delle fake news
senza mettere le mani nel giornalismo
e nel suo rapporto con i cittadini
nella politica stessa e soprattutto nella cultura di base
che serve alle persone per discernere ciò che è probabilmente vero
da ciò che è probabilmente falso
si tira sempre sempre in mezzo internet
sempre
anzi, l'internet...il buon internetto
Twitter per esempio...
Il social cinguettoso è a lungo stato sinonimo di opinione sul web, considerato a ragione uno strumento molto diretto per dire cose alla gente
molto più di Facebook per lo meno
e sta cosa può risultare soffocante per alcuni
prendete Mentana, incoronato king of the web 2016 per il suo blastare la gente sulla piattaforma di Zuckerberg
ma che era di fatto scappato da Twitter
per quello in mancanza di un termine migliore definiremo "harassment"
l'harassment online può spesso rappresentare un problema
e sono tutti più o meno d'accordo
ma al contempo è molto difficile tracciarne i confini
prendete questa storia qui
protagonista questo tizio qui....ve lo ricordate?
questo è Martin Shkreli, un giovane molto ricco e molto viziato
salito agli onori della cronaca come "L'uomo più odiato del web", per essere stato uno dei tanti
perché sta roba la fanno in tanti
ad aver comprato il brevetto di un farmaco molto comune e averne alzato il prezzo
moltissimo, giustificando il tutto con la volontà di fare nuove ricerche e migliorare la sostanza
quando il giochino non ha retto, il mondo ha sottolineato che si trattava probabilmente soltanto di avidità
e allora il tizio ha iniziato a cavalcare questa sua nomea di cattivo
di fatto rompendo i coglioni un pò a tutti per continuare ad attirare l'attenzione su di sé
recentemente ha deciso di scocciare questa tizia qui
una giornalista di nome Loren Duca
Shkrel è stato bannato dal social proprio a causa di questo online harassment
più o meno come è successo a Milo Yiannopoulos
l'esponente dell'altrait del quale abbiamo parlato la settimana scorsa
quindi....cosa avrà fatto Shkreli di così terribile?
minacce di morte?,insulti?...no....stalking?
ni
eeeeh
ha ironicamente detto di avere una cotta per la giornalista di sinistra
critica del presidente eletto, che si è rifiutata di accompagnarlo, proprio al giuramento di Donal Tramp
il prossimo 20 dicembre
e al seguito del rifiuto ha creato un sito chiamato: "Loren sposami",delicatissimo...
retwittato qualche fotomontaggio fatto dalla gente, che li ritrarrebbe insieme, come una coppia in un film
e si è messo tutto questo come immagine di profilo, ora l'account non c'è più, ma ciò che arriva su internet rimane su internet
quindi ecco lo screenshot
inoltre basta...
non ha fatto nient'altro, semplicemente quella cagata lì
ma questo è bastato perché gli dei di Twitter lo punissero allontanandolo dal social, dopo che la giornalista si è pubblicamente lamentata con Jack Dorsey
il Boss di Twitter
ora... ho passato parte della mia giornata leggendomi bene le leggi sulla stalkiling
e cercando di capire se una cosa di questo tipo, in Italia per lo meno, a noi interessa quello...
sarebbe considerata in effetti stalking
risposta solita...è complesso...e credo di no
eeh,per lo meno credo che servirebbe un'interpretazione un pò elastica del concetto
ma non sono un'avvocato, PER FORTUNA,quindi facciamo così
palla a voi, questa cosa è troppo? e Twitter ha fatto bene o è semplice trolly?
nel senso, l'intento di trollare è più che chiaro, ma a seguito di questo "wanna be scherzone"
la donna avrebbe ricevuto minacce di morte da parte di estranei, insulti, le classiche mail che parlano di stupro
il solito..
il rincoglionito del webstarter kit
però non da lui, da altri....
perché da una parte a me sta cosa non sembra affatto harassment,mi sembra semplicemente una parte, brutta della vita su internet quando hai visibilità
che è fatta di pro e contro
e tra questi contro c'è chi ti fa i fotomontaggi o ti prende in giro
per altro un saluto alla tizia che anni fa mi mandava fotomontaggi di me truccato da donna dandomi del "trans"
pensando di offendermi profondamente
sono in realtà più offeso quando andate in giro a dire che son alto 1.60m
NON SONO COSì BASSO....OK???
chiariamo le cose importanti, mettiamo sul tavolo le cose importanti
d'altra parte non voglio finire a fare il discorso di chi dice: "eh no ma era uno scherzo" per giustificare praticamente qualsiasi cosa
perché la cronaca ci insegna che il "so rigazzi" viene utilizzato continuamente per coprire pressoché ogni cosa
il punto è questo, escludendo ciò che è illegale, perché se è illegale è illegale non è che si può fare discussione su tutto
è ok che sia un social a ergersi a censore di cosa è ancora libertà di espressione o satira?
in altri casi magari, non in questo, parliamo di una giornalista e non di un capo di stato
e cosa invece cosa rappresenti harassment?
credo sia la questione di quale sia la paura più grande, da una parte quella che gli sconosciuti siano liberi di perseguitarti senza che ci siano delle ripercussioni
dall'altra che degli sconosciuti sia il social network o l'ufficio censura del web decidano arbitrariamente cosa sia lecito e cosa non lo sia quando fai un fotomontaggio
con protagonista un personaggio famoso o in vista
bene...ci sono un sacco di altre cose, quindi muoviamoci veloci oggi tanto ne taglierò l'80%
punto 1: in riferimento a ciò che ho detto precedentemente credo che non si possano comunque mai fare contenti tutti
quando si parla di libertà di espressione, di battute e di satira ecc...
prendete questa roba qui, un video che fa una parodia dell' ISIS, mostrando delle foreign fighters britanniche che si sono unite al califfato sposando degli jiadisti
e che come se fossero delle protagoniste di un reality trash,litigano sul fatto che una copi il burqa all'altra o su cinture esplosive che le ingrassano
fa ridere ma, ci sono persone che sono riuscite ad offendersi per quella roba lì.Ragioni: fa apparire male l'Islam oppure, che è la critica più stupida che si possa fare
ma c'è sempre, qualcuno che dice sta cosa: "è un argomento troppo serio per scherzarci su"
wow, quindi si scherza solo sulle cose non serie, adesso
buttiamo al cesso decenni di satira politica e critica sociale fatta tramite la risata, d'ora in poi solo scorregge e barzellette
che invece di farti ridere, trasmettono imbarazzo a getto diretto proprio come il vomito della ragazzina nell' "Esorcista", un treno di vomito
così, ehi sapete quella del pompiere?....imbarazzo
ovviamente ci sono casi meno sottili per quanto concerne la questione harassment o bullismo online
o in questo caso, molestia sessuale, gone wrong, finita malissimo.....si,certo! Parliamo di uno youtuber, indiano a sto giro
che adesso attenzionato dalla polizia dopo che un suo video è diventato virale, e cosa succede nel video?
niente....niente di che....esperimento sociale, bacio le sconosciute per strada e poi scappo, bhe...bhebhebhe,e poi dicono che gli youtube non vengono presi sul serio
vengono presi molto sul serio infatti il ragazzino è finito pure sulla BBC, si è dovuto scusare e adesso il buon Crazy Sumit dovrà affrontare accuse di molestie
bravo Sumit,fatto bene
anche noi abbiamo i campioni comunque eh?!che sarebbero potuti diventare i nuovi Marò, ma in realtà la Tailandia ce li rimanda a casa, fortunatamente per loro
perché rischiavano sino a 2 anni di carcere. I protagonisti sono i nostri connazionali Tobias e Ian
processati stamattina da un tribunale tailandese dopo esser stati riprese in un video, finito poi su Facebook nel quale strappano delle bandiere della Tailandia appese per strada
successivamente sono comparsi in un altro video nel quale si scusano dopo essere stati arrestati e a loro discolpa affermano di aver fatto il tutto da ubriachi
che non è una scusa, anzi, se lo diventa ditemelo, che ho un sacco di cose che vorrei fare senza avere ripercussioni
e incidentalmente mi piace molto la birra, la sambuca e il vino e praticamente ogni altro alcolico esistente sul pianeta!
La seconda scusa, quella per la quale vengono oggi derisi da tutti, sta nel fatto che la seconda scusa è una roba tipo: "in Italia non è così grave tirare giù la bandiera non lo sapevamo!"
che però non è vero, anche in Italia esiste il reato di vilipendio alla bandiera, e vale per tutte le bandiere non solo quella Italiana
Poi oh, io trovo ridicolo che qualcuno possa essere condannato a due anni di carcere per aver anche bruciato una bandiera, figuriamoci staccarla semplicemente
Beh insomma, dura lex, sed lex
non staccate le bandiere quando siete ubriachi specialmente se vi trovate in una monarchia costituzionale che ci tiene molto a ste cose
e che ha inventato il Muay thai, anche quello può rappresentare il problema secondo me.
Rimanendo in Italia due persone sono state arrestate con l'accusa di aver creato una rete informatica per spiare politici e imprenditori...italiani
i personaggi, accusati di questa cosa dalla polizia postale sono Giulio e Francesca Occhionero ,due fratelli residenti a Londra, e apparentemente noti nell'ambiente della finanza della capitale
accusati di aver infettato tramite malware i computer di personalità importanti quali Matteo Renzi o il presidente della BCE Mario Draghi e vari altri politici da destra a sinistra anche tutt'ora al governo come Poletti
il Corriere parla di quasi di 1800 credenziali di accesso, user e password, che sono un po'
ma la cosa fantastica è che non è una roba recente, ma si parlerebbe di un lavoro di raccolta andato avanti per anni, i quali dati sono poi stati stoccati in server negli Stati Uniti
sequestrati dall'FBI, il che significa che ancora non sappiamo quali informazioni fossero in mano a queste persone e soprattutto se le intrusioni abbiano riguardato soltanto dati e mail private
o addirittura istituzionali, che sarebbe ancora più grave
ci sarebbe anche la notizia che sta rimbalzando moltissimo in queste ore, tutti mi avete chiesto di parlarne e che arriva dal tribunale dei minori di Padova
accusato di aver tolto l'affidamento di un 13enne alla madre perché troppo effemminato...ora... prima che ci indigniamo un attimo.....
respiro e chiediamoci cosa sappiamo. E la risposta è che non sappiamo un accidente!
aaaah,bello eh?...perchè il primo articolo comparso su un grande giornale nazionale è apparso su Repubblica e questo articolo non dice assolutamente niente di specifico.
Fa sapere che un 13enne viene portato ai servizi sociali per dei disturbi di natura affettiva e comportamentali e i servizi denunciano un comportamento effemminato del ragazzino
a quel punto si richiede l'intervento del tribunale che tra le altre cose accerta, immagino tramite il parere di esperti, un problema di identificazione sessuale e un rapporto morboso con la madre
alla quale appunto tolgono il figlio e allora indignazione, non sappiamo nient'altro.. per lo meno per ora
e cosa ci siamo detti recentemente? Quando non sappiamo le cose perché non abbiamo i dati ma soltanto il racconto sommario di un giornalista
dobbiamo per forza dare per scontato che le persone che lavorano nei servizi sociali a cui il ragazzo è stato affidato e il tribunale sappiano fare il loro lavoro
e siano esperte delle materie che trattano
quando sapremo di più se davvero dovesse saltare fuori che l'unica ragione per la quale il bambino è stato allontanato dalla madre è che non avendo il padre mancasse di figure maschili di riferimento,
allora potremmo commentare in merito, male, di brutto, ma avere un'opinione argomentata necessita di fatti
e per lo meno mentre sto registrando vedo pochi fatti ma moltissime opinioni.
Questo è tutto per oggi, grazie per aver guardato!
Regina e alfiere di oggi sono Vanessa ed Emanuele che mi hanno mandato questa foto a settembre quindi, insomma, sono sempre fresco e sempre sul pezzo.
Grazie per la foto e per l'e-mail e a voi per aver guardato sino a qui! Sono ShooterHatesYou, questo era Breaking Italy e ci vediamo domani.