Cookies   I display ads to cover the expenses. See the privacy policy for more information. You can keep or reject the ads.

Video thumbnail
Ciao a tutti,
deludiamo tutte le persone
che sono qui per sapere cosa stia accadendo nel mondo
e sentire qualche battuta nel frattempo come ogni giorno.
Al contrario, video monotematico dedicato a fare chiarezza dall'interno
su una roba che difficilmente troverete spiegata altrove:
l'ADPOCALYPSE. Cosa sta succedendo,
perché la situazione sta peggiorando specialmente in Italia e come mai il 2017 rischia seriamente
(senza allarmismi, che non sono il tipo)
di essere la morte di moltissime realtà che in tanti seguono e apprezzano sul web,
come Breaking Italy.
Per chi fosse rimasto indietro, in soldoni: varie testate americane e britanniche,
prestigiose e non,
hanno recentemente lanciato un attacco a YouTube,
accusandolo di ospitare contenuti controversi
e di permettere che, su questi contenuti,
i creators, altrettanto controversi, potessero guadagnare dei soldi.
L'esempio più eclatante, forse quello che ha fatto veramente traboccare il vaso,
è stato il video di uno youtuber che, nel tentativo di dimostrare che i giubbotti antiproiettile
della polizia inglese non fossero particolarmente efficaci contro le lame,
a seguito dell'accoltellamento del poliziotto di fronte a Westminster
(vi ricorderete senz'altro l'attentato, il terrorista che ha guidato come un pazzo tra la folla)
vedeva lo youtuber, protagonista del suo stesso video ovviamente,
in un contesto che non ho paura di definire di "gran lusso"
accanirsi contro uno di questi giubbotti, confermando appunto la propria ipotesi.
Il video (a parte i sandali del protagonista)
era interessante a suo modo: un'inchiesta, se vogliamo, (tra molte virgolette)
che, se presentata in un altro modo e in un altro luogo
(in tutti i sensi)
sarebbe stata pagata molto di più
assorbita in modo diverso e fosse successo in italia, che ne so, a Report,
avrebbe causato fiumi di inchiostro e recriminazioni e sfruttamento a fini politici
da qui a, non lo so, un punto lontanissimo nel tempo.
La fine degli articoli sul dissing tra Selvaggia Lucarelli e Alba Parietti.
Seriamente, non frega niente a nessuWHOOPS
Come non detto: alla gente queste cose interessano moltissimo.
Chi l'avrebbe mai detto?
Il punto è che non siamo in TV, siamo su internet:
il video, ovviamente, estrapolato fuori dal contesto (quando mai)
viene sbattuto su tantissimi siti, fatto passare come "un incitamento a uccidere i poliziotti in modo efficace"
ed è stato sottolineato come il creator guadagnasse, appunto, da quel video
con i classici spot che compaiono prima del contenuto.
In questo caso wooh, di Netflix!
Conseguentemente il passo è enorme, ma anche breve:
Netflix sponsorizza indirettamente il terrorismo. È fatta.
E quindi, i classici: Internet è un casino, la "gogna del web", ci vuole controllo, Tiziana Cantone perdonali non sanno quello che fanno
"clicca qui per vedere le foto" e tutti quanti a ciuf ciuf sul trenino dell'indignazione. Col monocolo che fa un bel tuffo nel té.
Eh, ma rimane che Netflix sponsorizza quel contenuto, giusto Shy?
Sbagliato. Ti boccio, ti metto dietro la lavagna, ti faccio cantare Despacito di fronte a tutti riprendendoti col cellulare
e carico tutto su YouTube e divento ricco. Perché quel video andrebbe bene.
a differenza della televisione, le pubblicità su internet sono molto più mirate
e, di base, funzionano molto molto meglio
invece di essere sparate a caso in faccia a tutti quanti.
Quindi tu stai guardando la partita, e ogni secondo ti becchi 840 video di macchine giganti
che percorrono strade piene di traffico e "Vieni a scoprirle in concessionario a partire da millemila euro al mese".
E magari a te non te ne può fregare di meno del suv, e non hai manco la patente ...
Le pubblicità online sono slegate dal contenuto che stai guardando
e legate invece a te, e a chi il sistema pensa che tu sia: uomo, donna, giovane, vecchio, motociclista,
appassionato di cucina, videogiocatore in cerca di casa o d'amore o di pizza(che poi è la stessa cosa).
Se il sistema è convinto, da quello che normalmente fai online, tu possa essere interessato alla pubblicità
del suv, te la mostra, altrimenti ti mostrerà altro.
Di fatto io vedo solo pubblicità di videogiochi, e pubblicità per diminuirla, la grandezza del pene.
Ma mia madre, per dire, pubblicità di videogiochi non ne vede, perché il sistema sa che non le interessano e non ci cliccherebbe sopra.
Questo è noto a chi conosce le basi, ma ha comunque mandato nel panico gli investitori, che sono
prudenti. Molti grossi brand, nel tempo libero che gli era rimasto dallo spendere milioni di dollari
per produrre, distribuire online spot di merda che fanno incazzare tutti e, che vengono buttati nel cestino dopo un giorno e mezzo
(grande investimento)hanno ritirato i propri spot dalla piattaforma, minacciando youtube.
"O sistemi questa cosa dei contenuti controversi, perché noi prima del video del maestro di coltelli sandalato non vogliamo stare"
"O ce ne andiamo per sempre", di fatto condannando YouTube a una velocissima morte.
YouTube ha fatto una cosa, quindi: ha giocato un po' con il suo algoritmo, un bel po'
creando due cesti. Uno è quello dei contenuti puliti, che senza ombra di dubbio non includeranno niente di "possibilmente controverso",
e poi c'è l'altro, quello "varie":
nel quale finiscono un po' tutti gli altri contenuti Tipo i miei
Ora, è fondamentale capire che non tutte le pubblicità sono create uguali
e a seconda di chi sia a vederle, quanto vengano viste, cliccate, la durata, un sacco di fattori
i prezzi cambiano
E Youtube, quando pubblichi la tua roba, ti chiede in che categoria vuoi che il tuo ad finisca
In quello pulito o "nell'altro"?
Il problema è che nel sito vengono riversate quantità paurose di video
e non è umanamente possibile controllarli tutti a mano
Quindi il lavoro lo fa un robot
Ma i robot sono stupidi e non capiscono il contesto, al contrario degli esseri umani
che non lo capiscono soltanto quando devono scrivere un articolo in merito a qualcosa
Quindi gli algoritmi di fatto non sanno distinguere tra un video dell'ISIS
e un video nel quale qualcuno, magari un ragazzo sardo non basso, molto bello e soprattutto
NON BASSO
spiega cosa sia l'ISIS, cosa stia succedendo in Siria, e perché sia importante interessarsene
Il contenuto è comunque controverso allo stesso modo
E viene lanciato nel cesto dell'antipatia più velocemente di quanto io mi disfi dei volantini che la gente ti dà per strada con scritto "Hai mai pensato che ci potrebbe essere un paradiso?"
"No, non ci avevo mai pensato. Il Paradiso, la vita dopo la morte...nessuno pensa a queste cose MAI A meno che non sia un volantino a stimolarlo
Grazie, perfetto sconosciuto per strada, sono toccato
Per Youtube fare questa cosa ha senso, è un correre ai ripari
Fa tornare gli investitori e sposta le pubblicità da un utente ad un altro
Perché per il sistema è solo una questione di numeri
Per altri però, non facciamo nomi, Persone Non Basse
Questa roba ha un effetto importante, e non solo per loro
ma per chiunque apprezzi contenuti che non sono di fatto cose solo per bambini
Vuoi fare il video di scherzi per strada? Sei tranquillo
Vuoi parlare di cucina? Semaforo verde anche per te
Ma, come tocchi qualsiasi altro argomento, cose di cui gli adulti parlano tutti i giorni
Puoi farlo ma vieni penalizzato
Questo è il cuore dell'Adpocalipse e la ragione per la quale se ne parla così tanto in questi giorni
Vieni inserito nella lista dei cattivi e nemmeno lo sai E non puoi farci niente
Ora, break pubblicitario ipotizzando che a sto giro qualche pubblicità ci sia
E poi vi spiego cosa significa tutto questo nei fatti utilizzando me come esempio
Partiamo da un disclaimer, non sto cercando la pietà di nessuno
Sono una persona capace, non sono stupido Per lo meno non particolarmente
e ho una buona capacità di adattarmi e di reinventarmi
quindi non sto qui a piagnucolare Youtube è una piattaforma privata
e fa quello che vuole, e tutto ciò che io ci ho investito attorno negli ultimi sette anni
Che è di fatto indotto, sta a me tenerlo in piedi, non a loro
Nessuno mi ha obbligato a fare questo lavoro
Detto questo prendiamo questo caso in esame per farvi capire
Nell'ultimo periodo io ho visto un calo dei guadagni su Youtube di circa il 70%
Significa che il mio stipendio, per farla molto molto semplice, ha ricevuto un taglio di circa 2/3
e questo taglio è così ingente che se le cose dovessero continuare così
e io non facessi niente in merito, sarebbe la fine di Breaking Italy
Non sarei in grado nemmeno di far fronte ad affitto, tasse e tutti gli altri costi fissi
come la squadra di massaggiatrici e il campo da golf sul tetto
Dovrei interrompere questa esperienza che mi assorbe completamente
E fare altro Ora, non ho dubbi sul fatto che sarei in grado di trovare qualcos'altro da fare
Anche se sono ancora un principiante in tante cose
Nei 6 anni di show ho sviluppato delle capacità ed è evidente che ad alcuni di voi piaccia quello che faccio e come lo faccio
Ma di nuovo, in quel caso non potrebbe essere Breaking Italy
Sarebbe qualcosa di diverso Probabilmente non su Youtube
forse alle dipendenze di qualcuno Sicuramente senza tutte le libertà che Internet mi ha concesso sinora
E che adesso invece vengono ribaltate Perché di fatto la TV e la radio
sono paradossalmente in questo momento diventate più permissive di questo posto qui
Ovviamente io sono l'esempio ma questa situazione non colpisce solo me
Abbiamo parlato l'altra settimana, vi ricordate, di H3H3
il canale americano molto apprezzato di Itan e Ila
Di come loro abbiano già dovuto modificare la propria attività, di fatto smettendo di pubblicare i video controversi e più intelligenti che facevano,
per dedicarsi a cose più frivole come vlog personali che non vengono automaticamente flaggati dal sistema perché non vengono considerati controversi
Questo quindi si traduce in una diminuzione della scelta e della qualità delle produzioni che possono stare su Youtube
perché se si chiude questa porta, molte altre persone che hanno progetti e il desiderio di portare sotto gli occhi di un pubblico qualcosa che sono bravi a realizzare
lo dovranno fare ma da un'altra parte E questo è un fatto
Lo stesso PewDiePie, King of Youtube, sta spostando la sua attenzione sul sito di live streaming Twitch
Si sta preparando al salto di fatto, modificando i propri contenuti in base alla forma della nuova scatola nei quali sarà costretto a metterli
Per me personalmente l'importante è sempre stato creare uno Show con i pochi mezzi a mia disposizione
che potesse essere divertente da guardare, ma che, allo stesso tempo, parlasse di cose pesanti
Nel quale potessi crescere, potessi migliorarmi personalmente e che fosse appetibile ad un pubblico un po' più grande della media di Youtube
Fateci caso, andate nel video di ieri, e fate una lista delle cose che abbiamo trattato
Perché sono pallosissime Ma Breaking Italy a livello di attenzione e di numeri non è mai andato così bene e ne sono orgoglioso
Fatica a crescere però, ed è ovvio Se il sistema ti considera controverso
smette di promuovere i tuoi video, oltre che non pagarti, e non finisci più tra i consigliati, non finisci più nemmeno in trending
Vieni di fatto relegato nel tuo angolo buio dove nessuno ti troverà mai
e io ho la fortuna che in quell'angolo ci sia un pubblico affezionato con il quale sono sempre stato molto onesto, e con il quale ho una buona relazione
Ma le dimensioni di quel pubblico sono ridotte, e quello è l'altro punto importante
Se compariamo l'Italia a Youtube Mondo ogni canale è di nicchia, anche Favij, anche Yotobi
Figuratevi uno show nel quale si fa tutti i giorni ironia sulla politica
Questo cambiamento colpirà più forte i canali come il mio, e di lì a scendere
A meno che non facciate quei video strani con i costumi per bambini o le Challenge
tipo: ascolta la musica e se balli perdi In quel caso state tranquilli, ballateci tutto
Bene, ultimo punto personale e poi ce ne andiamo a casa per rivederci domani in live
Cosa succederà a Breaking Italy adesso? Non lo so
Quello che farò sarà stringere i denti e continuare a stare in equilibrio tra questa attività, sperando che le cose cambino su Youtube, ma non credo succederà
E l'altra attività, HEYA Della quale sono innamorato e che anche se non è affatto sufficiente a tenere in piedi le cose sul lungo periodo
Ha già salvato una volta lo show all'inizio dell'anno scorso ai tempi della smonetizzazione, vi ricordate?
Almeno prima era palese, ora nemmeno questo Tenete quindi presente che le cose qui potrebbero cambiare
Molto, anche se io non voglio e so che molti di voi detestano i cambiamenti ma potrei essere obbligato
Le puntate potrebbero in futuro diventare molto più brevi Diventare più rare per darmi spazio di occuparmi di altre cose
O addirittura cambiare completamente sino al vedermi costretto a lanciare qualcosa di completamente diverso
Al cambiare piattaforma, o al'uccidere completamente il progetto
Questo rischio c'è ed è giusto che lo sappiate Non è quello che volevo, ma di nuovo, quando le cose cambiano o cambi con loro o ti fai travolgere
È la vita
So che in tanti ora mi consiglierete tantissime cose, sicuramente mi consiglierete Patreon, quindi il sito che permette di raccogliere donazioni, e di mandare avanti le cose così come sono adesso
tramite il contributo economico di voi gentaglia Ci penserò, sto pensando a tante alternative, non mi spammate di roba
Anche se, l'ho detto in tante salse, non lo ritengo un modello sostenibile per questo tipo di progetto su lungo termine
Ma alla fine tutto si riassume in ciò che io voglio per me e per il mio futuro professionale
Quindi "Too long, did not Listen" Non è un video allarmista nel quale si grida dalla piscina con un mojito in mano che la casa è in fiamme
Sembro Bersani Tramite la mia esperienza spero solo di avervi fatto capire cosa stia succedendo dietro alle quinte di Youtube
e perché le cose come le abbiamo conosciute fino ad ieri potrebbero essere diverse da domani
Per il resto per Breaking Italy fidatevi di me, so quello che faccio Molto più di quanto alcuni di voi sembrino darmi credito
E sappiate che la mia Mission è sempre quella di migliorarmi come Entrateiner, sviluppare il rapporto con chi di voi apprezza il mio lavoro e la mia storia
E cercare di diventare schifosamente ricco per comparire poi nelle trasmissioni TV
A dire che i giovani d'oggi non c'hanno voglia di fare un cazzo e che ai miei tempi era tutto diverso
Fate i bravi, un abbraccio agli altri Youtuber colpiti come me, e ci vediamo domani in live alle 19